Il Vangelo non è un messaggio comodo, ma scomodo, perché ti smuove da una posizione di mediocrità per spingerti verso le impossibilità che Dio ha pronte per te. Dio vuole fare diventare la tua vita uno strumento per il Vangelo.

Gli uomini possono soltanto riprodurre la vita umana, ma lo Spirito Santo dà la nuova vita del cielo. Giovanni 3:6 (LM)

Spesso abbiamo ascoltato il Vangelo su Gesù, ma non sempre il Vangelo di Gesù cioè quello che Lui predicava. Tanti hanno abbracciato il Vangelo che porta in cielo attraverso il sacrificio di Gesù, ma non hanno ancora ricevuto la rivelazione del Regno dei cieli sulla Terra che Lui predicava. Gesù non è venuto soltanto a predicare un Regno, Gesù è venuto a PORTARE un Regno; Gesù non è venuto a predicare di sé stesso, ma è venuto ad annunciare il proposito, il potere, i principi del Regno.

Dio oggi ha affidato a noi un mandato: “andate per tutto il mondo e predicate il Vangelo”, non i dieci comandamenti, non quello che i profeti predicavano, Lui è venuto ad autorizzarci a predicare una nuova ERA, dove, attraverso Cristo, attraverso il messaggio del Vangelo, Dio non imputa più i peccati agli uomini, Dio li ha riconciliati a sé. Un Vangelo dove non dobbiamo più raggiungere Dio con i nostri sforzi, ma dobbiamo realizzare che è Dio che ha raggiunto noi. Fine a che tu non lo realizzi, proverai ancora a raggiungerlo, ma la rivelazione non è altro che la realizzazione di quello che Cristo ha fatto.

Coloro che ricevono l’abbondanza della grazia e del dono della giustizia regneranno nella vita per mezzo di quell’uno che è Gesù Cristo. Romani 5:17 

Dio non si è mai presentato come il Dio dell’appena sufficiente, ma come il Dio dell’abbondanza. La giustizia è un dono, non va guadagnata, Dio te l’ha data non per i tuoi meriti, ma per i Suoi meriti; non per le tue lacrime, ma per le lacrime di Gesù; non per il tuo sangue, ma per il Suo sacrificio. 

Il Vangelo ti rivela: chi Dio è, quel che ha fatto per te e chi tu sei ora in Cristo. Gli insegnanti di quel tempo avevano distorto il Vangelo, avevano presentato un Dio arrabbiato, piuttosto che simile al Padre che Gesù ci ha presentato. Dio ha parlato per un tempo tramite i suoi profeti, poi è venuto a parlare Lui. 

Inizialmente il Vangelo ci svela la buona notizia di Gesù, poi, lo Spirito Santo, brama portarci ancora più in profondità e rivelarci il Vangelo di Gesù. Finché noi restiamo sul Vangelo di Gesù, stiamo comprendendo, sempre di più, chi Dio è, il Suo amore, la Sua vera essenza (Ebrei 1:3); quando vedi Gesù, vedi Dio, vuoi vedere Dio? Guarda Gesù. 

Gesù è tutto questo e molto di più, ma se tu rimani sul Vangelo su Gesù, entrerai soltanto in quella che è la salvezza, in una rivelazione che ti porta ad un’iniziazione del cristianesimo, ma c’è una profondità che lo Spirito Santo ci vuole dare per farci comprendere non solo chi Dio è, sulla Terra c’è una progressione che lo Spirito Santo ci vuole dare, altrimenti non regneremo mai nella vita e non adempiremo il nostro scopo.

“Abbiamo un’eternità per conoscere Dio pienamente, ma soltanto una vita per manifestarlo, per farlo conoscere agli altri, per adempiere il Suo scopo!”

Il Vangelo su Gesù ti porta in cielo, il Vangelo di Gesù rivela il cielo che è già dentro di te. La rivelazione del Vangelo deve essere progressiva nella nostra vita; se non è progressiva, si è fermata, se non è in movimento, è un monumento, è stagnante; se è progressiva, fluisce, porta vita, porta frutto, ma deve essere predicato e rilasciato prima a te e poi attraverso di te. 

LA RIVELAZIONE DEVE ESSERE PROGRESSIVA:

1. Ci deve rivelare la Sua PERSONA che ci riscatta dalla morte e deposita il cielo in noi. Finché tu non hai un incontro/scontro con Lui, non conoscerai nè la Sua persona e nemmeno quello che Lui ha fatto in tuo favore: darti una nuova identità, portare guarigione nel tuo cuore; questa è la persona di Gesù, Dio ma anche uomo, familiare con il dolore, che si prende la tua sofferenza per darti il Suo amore che guarisce ogni ferita. È la persona di Gesù che rimuove da te il pianto e ti dà un canto. Dal momento che fissi il tuo sguardo su Gesù, non ricorderai più i tuoi problemi!

2. Ci deve rivelare i PRINCIPI che operano dal cielo alla Terra.

Il Vangelo è come una moneta, ha due lati. Da un lato vediamo la persona di Gesù; dall’altro i principi di Gesù. La sua persona porta pace; i suoi principi vittoria e prosperità. La sua persona ti espone al cielo, i suoi principi ti rendono un suo esponente sulla Terra: un rappresentante, un ambasciatore, uno con autorità e titolo di parlare per conto del suo governo. Se tu conosci Gesù, sarai esposto al cielo, ma quando tu conosci i suoi principi, tu esporrai il cielo agli altri. 

3. C’è un POTERE che lo Spirito Santo vuole manifestare in noi, che è già in te, adesso. Fin quando non si comprende questo, si cercherà sempre un altro passo da parte di Dio, nelle preghiera chiederai anziché ringraziare per ciò che hai già ricevuto. Sarai sempre da raggiungere piuttosto che una persona che è già stata raggiunta. Non fermarti soltanto a ciò che Dio ha fatto sulla Terra ma, vai oltre, perché Dio vuole manifestare il Vangelo attraverso di te.

4. Ci deve rivelare i PROPOSITI che il Signore ha per noi e attraverso di noi. La vera battaglia sarà SEMPRE una battaglia per il Vangelo. Dio, per edificare il Suo proponimento, ha bisogno di persone ubbidienti che progrediscano nel Vangelo, uomini e donne che progrediscano nella rivelazione. Finché ti vedi bisognoso di ricevere dalla persona di Gesù, fin quando hai soltanto questa consapevolezza, tu stai limitando Dio attraverso di te. Il Vangelo non è più soltanto per me, mi ha già toccato, il Vangelo mi è già stato affidato, non sono più soltanto io che ho bisogno del Vangelo, ora, il Vangelo, ha bisogno di me e di te. Il Vangelo è la potenza di Dio e quando ti rendi conto che puoi essere un tramite, le Sue parole nella tua bocca non solo avranno le tue labbra, ma pian piano avranno la tu avita e se Dio può avere la tua vita, tu puoi avere la Sua. 

Il tuo futuro non è nascosto dietro una carta, il tuo futuro è nascosto nel CUORE di una persona che ha per te dei PRINCIPI, POTERE e PROPOSITI che dobbiamo adempiere sulla Terra. Non devi essere totalmente libero per servirlo o totalmente guarito, perché Lui ti libera o ti guarisce mentre diventi le mani di guarigione di Gesù per qualcun altro. Dovunque il fiume passa, porta sempre via le scorie e porta nuova vita, ed anche se c’è stata melma, dolore, il fiume non se ne cura, lo spazza via.

Caro Lettore, ciò che ti auguro è che tu non possa più scappare dalla tua chiamata, ma corrergli incontro con il fuoco dentro!