Nel vivere la nostra vita, spesso ci portiamo dietro tante conseguenze della visione contorta che abbiamo delle cose, queste conseguenze diventano nostre compagne, tanto che le consideriamo come se fossero “la nostra croce”. La maggior parte delle volte, questa affermazione deriva solo da mancanza di conoscenza.

Se hai fallito un qualcosa, questo non vuol dire che sei un fallito. La tua identità non può e non deve dipendere da ciò che hai fatto o da quello che hanno detto o fatto gli altri intorno a te. La tua vera identità è più forte del tuo passato. Il passato può influenzare il nostro presente se gli permettiamo di avere una voce, se ascoltiamo quell’eco che continua a farsi sentire anche a distanza di anni.

Proverbi 23:7 “Come un uomo pensa nel suo cuore, così egli è.”

Tu non vedi il mondo per come è, tu vedi il mondo per come sei tu. Ogni giorno che passa tu raccogli e archivi immagini e dati, che influenzano il tuo comportamento, le tue scelte, il tuo stile di vita. L’immagine che hai di te stesso determina il tuo comportamento. Quanto è importante che la nostra immagine sia strettamente legata alla verità dichiarata da Dio!

Già da prima della fondazione del mondo, Dio aveva un’idea di me e di te, un disegno ben chiaro e disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine”! Ogni altra cosa o animale sulla terra è stato creato secondo la propria specie, ma non l’umanità. Quando Dio creò l’uomo lo fece secondo la Sua specie, la Sua immagine, la Sua natura. Siamo persone straordinarie, che molto spesso, a causa di mancanza di una sana immagine di se, vivono una vita ordinaria.

Immagina di essere davanti ad uno specchio: davanti a te c’è la tua immagine e tu puoi vederla chiaramente in tutti i suoi dettagli; ora pensa a qualcosa che arriva con violenza e rompe lo specchio: la tua immagine sarà ora frantumata, i vari pezzi non saranno più armonici, legati insieme, ma distanti fra loro, uno da una parte e uno dall’altra, non seguiranno più un disegno intero, ma saranno dei pezzetti slegati uno dall’altro. Questo è ciò che accade quando il peccato rovina l’immagine che hai di te stesso.

II Corinzi 2:18. “E noi tutti, a viso scoperto, contemplando come in uno specchio la gloria del Signore, siamo trasformati nella sua stessa immagine, di gloria in gloria, secondo l’azione del Signore, che è lo Spirito.”

Gesù è venuto a ristabilire una nuova immagine di Dio e dell’uomo. La propria immagine, negli uomini, era corrotta a causa di una cattiva percezione di Dio nei loro cuori; Gesù è venuto a mostrarci il Padre, a farci cambiare l’idea che avevamo di Lui, e questo ha determinato la trasformazione anche della nostra immagine personale. Infatti, guardando a questa nuova, meravigliosa, immagine di Dio che Gesù ci ha mostrato, noi siamo trasformati di gloria in gloria!

Gesù ha preso la mia corruzione e mi ha dato la Sua perfezione!
Gesù ha preso la mia immagine imperfetta e mi ha dato la Sua immagine perfetta!

Anche se non vedo questo con i miei occhi fisici, lo posso vedere nel mondo dello spirito; anche se fuori posso sembrare un uomo piccolo, una persona insignificante, nello spirito io sono un milione di volte più grande!

Una delle prima cose che Dio vuole fare nella nostra vita, è cambiare il nostro modo di vederci e il nostro punto di vista sulla vita. Se tu continui a guardare le cose dal tuo punto di vista, ti comporti secondo le tue capacità, un giorno sei capace, un giorno non sei capace… Quando ti accorgi che la tua capacità è finita, non riesci più a mantenere l’immagine che volevi dare di te agli altri, e allora devi fingere, devi metterti una bella maschera, e costruire un comportamento fasullo, forzato, ipocrita.

Tante volte vogliamo addirittura redimere le nostre colpe con un comportamento forzatamente corretto, avete mai sentito quelli che continuano a chiedere perdono per tutte le colpe del passato? Queste persone si sforzano tutta la vita di cercare di fare bene, per tentare di bilanciare quello che hanno fatto male… ma le cose in questo modo non migliorano mai, anzi peggiorano sempre.

Rimaniamo aggrappati tutta la vita ai nostri sensi di colpa, quando Dio ci dice chiaramente che siamo lavati, perdonati, purificati da ogni colpa!

Quando hai un’immagine di te sbagliata, ti comporti in maniera sbagliata. Tu provi a migliorare la tua immagine con il tuo comportamento, ma ti senti sempre frustrato e insoddisfatto. Sai perché? Perché tu puoi solo cambiare un’immagine corrotta con una corretta, non puoi provare a sistemarla! Non puoi cambiare la tua immagine in base ad una performance, ma puoi cambiare la tua performance in base all’immagine giusta che Dio ti ha dato!

Quando ti vedi come Dio ti vede, tu inizi a fare quello che Dio ti chiede di fare! Quando inizi a credere come Dio crede, tu puoi adempiere le cose che Dio ha preparato per te. Perché? Perché non agisci più in base alla tua fede, ma in base alla fede che Dio ha in te!

Fin quando mi muovo in base alla mia fede, io sono nei guai… perché oggi posso avere una grande fede, e tutto va bene; domani avrò una fede piccola piccola e… buonanotte! Ma se io agisco perché so che Dio crede in me, anche se cado… mi rialzo, perché so che Lui mi ama e io non posso rimanere a terra. lI miracolo più grande non è che tu credi in Dio… ma è che Dio crede in te! In altre parole noi ci muoviamo nella Sua fede! Non siamo noi che facciamo le cose, ma è Dio che le fa attraverso di noi!

v. 7 “In Lui abbiamo la redenzione mediante il Suo sangue, il perdono dei peccati, secondo le ricchezze della Sua grazia, che Egli ha riversato abbondantemente su di noi, dandoci ogni sorta di sapienza e intelligenza…”

Redenzione significa essere ripristinato all’immagine originale, redento vuol dire riportato allo stato iniziale come Dio ti ha sempre voluto.

v. 4 “In Lui ci ha eletti prima della fondazione del mondo, perché fossimo santi e irreprensibili davanti a Lui”.

Se Dio dice che io sono santo e irreprensibile davanti a Lui, chi sono io per dire che Dio si sbaglia Come posso dire di capire me stesso più di quanto mi capisca Lui che mi ha creato?

Dio ti vede senza macchia, Dio ha scelto da prima della fondazione del mondo, Dio ti vede da una prospettiva eterna, e ti vede senza macchia e senza difetto.

Non ti vede nel tuo passato, il tuo passato è stato inglobato in Cristo; non ti vede nel tuo presente, il tuo presente è solo un tempo di preparazione, non è la tua destinazione: Dio ti vede nell’eternità. Tu non sei sulla terra frutto di un caso, o per l’evoluzione di una scimmia, ma sei un disegno perfetto, un progetto che è iniziato nell’eternità! La mia nuova natura mi dà una nuova immagine di me stesso. Se sono a immagine di Dio, sono secondo la sua natura. Se sono secondo la sua natura e immagine allora ho una nuova immagine anche per me e di me. Non più legata a chi ero, ma legata a chi sono in Cristo. Gesù mi ha ristabilito nella sua immagine: La sua immagine di me!

Devo riuscire a vedere quello che Gesù ha fatto per me e iniziare a vedermi attraverso la sua opera, le sue nuove realtà per me.
1. Vedi Gesù

2. Trovi te stesso in lui

3. Cammini in lui camminando in quella sua immagine di te

La grazia ci transita da come ci vediamo a come Dio ci vede. Dio non ti ha cambiato la testa ma il cuore. La grazia non cambia la tua testa ma cambia la tua natura.